NUOVO VIAGGIO: in rotta verso il cambiamento

Leave a comment Standard

Eccomi qua: il 2023 è iniziato da ormai una quindicina di giorni ed io finalmente ho deciso di scrivere quello che ho in mente da un pò di tempo e che sento di condividere con voi perché credo che se continuassi ancora su questa direzione farei uno sbaglio enorme, offendendo me stessa prima di tutto e chi mi legge, in secondo luogo.

Ormai è già qualche anno che è nato questo sito, ci sono stati scambi interessanti con qualcuno di voi, qualcuno ha trovato spunti, qualcuno mi ha criticato senza mezze misure. Ho visto crescere l’interesse verso questo sito e di questo ne sono stata felice, avrei voluto il successo immediato come capita ad altri, avrei voluto sbancare come spesso capita agli altri ma diciamolo non sono mai stata brava a “vendermi” si fa per dire e a fare business come mi dice spesso qualcuno. Però la verità è che non mi è mai importato molto del successo altrui, certo avrei voluto vivere solo dei miei racconti di viaggio, ma per ora non è così, forse un giorno lo sarà forse no ma poco importa perché io ci ho messo del mio e quando dico del mio, intendo il mio cuore e la mia passione. Devo dire che prima del maledetto co19 le cose iniziavano ad andare nella direzione giusta almeno professionalmente, poi però si smette di viaggiare e l’interesse scema. Quando poi si ritorna a viaggiare ecco che ritornano i sapientoni, quelli che non sanno nulla di cosa realmente c’è dietro al lavoro di chi organizza un viaggio seriamente e per professione, arrivano quelli di booking.com e google flight ed intendiamoci non ho nulla contro di loro e vanno anche bene se non ci si crea aspettative o non si ha problemi a rimanere a piedi ma ergersi sapiente e saccente su chi, con umiltà, ha studiato la professione di chi organizza viaggi, sia un agente o un tour operator o anche un autodidatta e che continua ad amare follemente questi studi e che ancora tiene ben a mente le parole del suo primo maestro:< < quando racconti un viaggio qualsiasi esso sia devi far viaggiare ad occhi aperti>> allora proprio non ci sto. Non so se in questi anni sono riuscita a farvi viaggiare ad occhi aperti, sarete voi a dirmelo ma ciò che è certo e che ci ho messo e ci metto il cuore ma non voglio continuare in questa direzione perché nel frattempo altre cose si sono affacciate prepotentemente nella mia vita come lo yoga(quello vero) e altre ancora di cui forse vi parlerò più avanti.

Fatto questo lungo preambolo, (qualcuno forse ha già chiuso pagina), quello che voglio dirvi e che al contrario di ciò che forse vi ho portato a credere Travelale non chiude i battenti ma cambia strada. Non voglio dire che non parlerò di luoghi che spero continuino sempre a roteare come trottole nella mia vita ma vorrei cercare di raccontare un posto per le sensazioni che mi regala, per la pratica di yoga che in quel momento ho sentito di praticare o meno o semplicemente per il silenzio che ha evocato. Non so bene dove mi porterà o se piacerà e per quanto io vi ami profondamente non è neppure tanto importante perché voglio seguire questa strada e come lo yoga mi insegna, senza crearmi alcuna aspettativa ma solo per il gusto di farlo. Quindi amici miei state connessi IL VIAGGIO, quello vero, inizia ora. HARI OM TAT SAT

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.