In Calabria per assaggiare il calzone con la cipolla rossa di Tropea IGP

Leave a comment Standard

Il “CIBO” uno degli aspetti più importanti di un viaggio al quale per molto tempo forse non ho dato la giusta importanza ma che oggi,dopo anni ed anni di girovagare, in Italia e nel mondo mi appare un aspetto da non trascurare anzi al quale dedicare molta attenzione come alla visita del posto spesso. Si dice che la cucina italiana sia la più buona del mondo ed io forse in questo faccio poco testo perché non solo non amo particolarmente la pasta, perlomeno quella confezionata ma sono vegetariana da diversi anni ed anche con qualche intolleranza che a volte complica la scelta del cosa mangiare e sopratutto dove trovare il cibo adatto a me. In Asia non ho grossi problemi o perlomeno in diversi paesi dell’Asia, dove trovo sempre il mio amato riso e tanta buona frutta e verdura ma in altre parti del mondo a volte può diventare complicato. Qualcuno si chiederà se non mi senta penalizzata e la mia risposta è no assolutamente no, la scelta di essere vegetariana mi fa andare alla ricerca di sapori che a volte in una cucina si ignorano, le intolleranze sono un altra storia ma per fortuna non così insopportabili da non consentirmi qualche scorro alle regole.
Per fortuna però,proprio l’Italia mi ha permesso di capire che nella nostra cucina c’è spazio per ogni palato e ogni specifica richiesta e quindi non è difficile passare dai tortelloni di ricotta burro e oro della Emilia Romagna, mia terra d’adozione, alla ‘Ncrapiata di fave e foglie, una purea di fave secche mescolate a erbe di campagna cotte, ricetta originaria della Puglia, mia terra di nascita.
La cucina italiana si può dire composta da 20 gruppi rappresentati da tutte le regioni che compongono lo stato da suddividere ulteriormente in un numero imprecisato di sottogruppi formati da provincie e in alcuni casi paesi che a volte hanno piatti e specialità differenti nel giro di pochi chilometri.
Durante un viaggio in Calabria di diversi anni fa,precisamente nella cittadina costiera di Scalea,ho provato un calzone di cipolla e fin qua sembrerebbe non essere una grande novità culinaria visto che la Puglia tra i suoi tanti piatti annovera anche il famoso calzone di cipolla sponsale, un tipo di bulbo lungo tipico di questa terra. La particolarità del calzone di cipolla assaggiato in Calabria e poi successivamente rimangiato per mano calabrese, è il calzone ripieno di cipolla rossa Igp di Tropea, una delizia da leccarsi i baffi, preparata in estate durante il periodo compreso da maggio a settembre quando si producono questi straordinari ortaggi caratterizzati da una grande dolcezza e digeribilità.Così desiderosa di rivivere al palato lo sprigionarsi di tutte quelle sensazioni dal sapore calabrese ho provato a rifare questa ricetta suggeritami da un calabrese Doc ed il risultato non è stato affatto male.
RICETTA CALZONE DI CIPOLLE ROSSE IGP DI TROPEA
INGREDIENTI
600 grammi farina 0
2 kg e 500 grammi di cipolla rossa di Tropea IGP
10 gr di lievito di birra fresco
50 gr olio extravergine di oliva
25 gr sale fino
acqua per impastare
PROCEDIMENTO
Affettare la cipolla dopo averla lavata farla saltare in padella con olio a fiamma bassa coprendo con un coperchio, aggiustare di sale fino a lasciar stufare fino al punto in cui si sarà creata una bella purea.
Nel frattempo impastare farina  e acqua tiepida nella quale avremo sciolto il lievito, incorporare il sale solo alla fine per non alterare l’effetto lievitante del lievito, coprire con un panno o pellicola e lasciare riposare finché il composto non sarà raddoppiato. Stendere un disco per la base e adagiarlo in una teglia precedentemente oleata farcire con il composto di cipolla e coprire con un secondo strato di pasta, buchrellare con una forchetta per far uscire aria qualora ce ne fosse dall’interno, attenzione a sigillare bene i bordi, magari utilizzando una specifico taglierino da cucina.
Cuocere in forno caldo a 220 gradi per circa 35 minuti sfornare e lasciare raffreddare il  calzone pronto per partire alla scoperta di qualche bellissimo angolo d’Italia.

 

A Monopoli per una passeggiata tra storia e gastronomia pugliese

Leave a comment Standard

Monopoli sorge a circa 45 chilometri a sud di Bari ed è facilmente raggiungibile dal nord Italia sia in automobile che in treno o bus. Monopoli è adagiata su di un tratto di mare che alterna scogliere e piccole calette di mare azzurro,dove immergersi anche con maschera e boccaglio per vedere numerosi pesci.
Negli ultimi anni Monopoli,come altre cittadine della provincia pugliese hanno subito un restyling,trasformandosi in luoghi affascinanti dove trascorrere una vacanza ogni periodo dell’anno. Il centro storico di Monopoli offre la possibilità di tuffarsi nel passato,passeggiando tra i suoi vicoli e scoprendo ogni volta angoli suggestivi dove scattare una foto. Ma è sicuramente il Castello di Carlo V a dominare la scena di tutto il centro storico, la sua forma pentagonale è tipica delle costruzioni cinquecentesche, periodo in cui viene attribuita la costruzione, la sue imponente struttura affacciata sul mare è resa ancora più maestosa grazie alla presenza di una torre cilindrica incorporata alla costruzione stessa che si trova proprio all’ingresso del maniero.Il castello è ben visibile da molte angolazioni del centro storico e la passeggiata prosegue in due direzioni, una che porta verso la piccola darsena e l’altra verso la spiaggia di Cala Porta Vecchia, presa letteralmente d’assalto dai turisti che scelgono di alloggiare proprio nel centro storico,dove sono sorti molti B&B nei quali si possono spendere dai 100 euro a notte per le soluzioni più semplici,fino a salire ai 400 euro ed anche più,se si preferisce una soluzione di charme dove concedersi qualche coccola come la camera con balcone dotato anche di vasca idromassaggio dove godersi il tramonto, il tutto accompagnato quasi sempre ,da una colazione  a base di biscotti  e torte fatte in maniera artigianale dai migliori e tradizionali panifici della città.
Dal punto di vista culinario la Puglia non ha nulla da invidiare alle altre regioni e sempre più spesso la visita a questo territorio ben si coniuga con la scoperta della gastronomia.
Monopoli è una città di mare e senza dubbio gli amanti dei piatti a base di pesce non rimarranno insoddisfatti ma la Puglia offre la possibilità di riscattare anche il palato di chi ha scelto una cucina vegetariana,grazie sia alla presenza di ortaggi cresciuti sotto il sole che qui splende molti giorni dell’anno.La tradizione gastronomica locale è basata su piatti considerati un tempo poveri ma che oggi diventano un fiore all’occhiello della Puglia, come La Ingrapiata, uno dei piatti più gustosi di tutta la Puglia.
Nonostante le mie origini siano proprio pugliesi ho sempre avuto il dubbio si dicesse Ingrapiata o Incrapiata, perché in effetti in alcuni paesi del barese questo piatto si chiama in maniera diversa ma poi un monopolitano d’hoc, ha fugato ogni mio dubbio:” si chiama Ingrapiata”
La Ingrapiata richiede diverse ore di preparazione comprese le ore di ammollo necessarie per ammorbidire le fave secche che devono essere messe a bagno la sera prima per poi proseguire con la loro cottura che andrebbe preferibilmente effettuata in un paiolo di terracotta, realizzato sempre in Puglia da piccole aziende  che sono diventate famose in Italia e nel mondo. Il tegame viene riempito con le fave secche poi coperte di acqua e lasciate sobbollire per ore, meglio se in una vecchia stufa alimentata a carbone di cui ancora molte casse sono provviste.Quando diventa una purea, le fave sono cotte e possono essere aggiunte le cicorie di campagna rigorosamente raccolte nei campi e saltate in padella con aglio e delle sottili fette di pane tagliate a piccoli tocchetti, il tutto abbondantemente irrorato con olio extra vergine d’oliva di cui la Puglia è sicuramente uno dei maggiori e migliori produttori d’Italia.
La Ingrapiata non è un piatto molto elaborato sicuramente è necessario prepararlo secondo la tradizione se si vogliono assaporare i sapori autentici ma ciò che lo rende unico seppur nella semplicità dei suoi ingredienti è proprio la scelta di questi, la fava è un legume antico ma poco utilizzato sopratutto nel nord Italia, un concentrato di energia con pochissime calorie che dovrebbe essere inserito nella dieta di ognuno,sopratutto bambini molto piccoli e anziani, il suo gusto delicato riscuote successo anche tra i più esigenti.

 

Parecchi ristoranti di Monopoli  propongono cucina locale e spesso anche l’Ingrapiata. Un bel posto dove consumare una cena o un pranzo in un’atmosfera famigliare è La Vecchia Taverna in via Argento 33 che oltre alla scelta di piatti a base di pesce proprone parecchie opzioni per vegetariani.

Per finire non si può lasciare Monopoli senza fare un salto nel Panificio Santa Caterina, in via Santa Caterina 4, a ridosso di una delle piazzette più carine del centro storico, qui la goduria non sarà solo per lo stomaco ma anche per occhi e naso, il profumo della focaccia appena sfornata si estende per tutta la zona e il richiamo sarà talmente irresistibile da essere una tappa fissa durante la vostra permanenza tra mare e sapore nella storica cittadina di Monopoli.

Ricette dal mondo: Nasi Goreng un piatto della cucina indonesiana preparato seguendo le istruzioni di una famiglia balinese

Leave a comment Standard

Ho sempre sostenuto che la conoscenza di un posto passa anche dalla sua cucina ed è durante una delle mie permanenze sull’isola di Bali che,alloggiando presso Valentino Homestay, una piccola e accogliente guesthouse nella località di Sanur gestita da una  famiglia balinese,  oltre a mangiare divinamente ho imparato anche qualche trucco per cucinare correttamente uno dei piatti indonesiani più diffusi nella nazione, ovvero il Nasi Goreng. Continua a leggere

Ricette dal mondo: cartellate pugliesi

Leave a comment Standard

Il Natale è una delle feste più importanti del mondo anche dal punto di vista culinario. Quasi tutte le regioni d’Italia propongono il loro menù, dall’antipasto al dolce,a tavola scendono in gara prelibatezze uniche che fondano le loro radici in antiche tradizioni. Continua a leggere

Ricette dal mondo: burek albanesi

Leave a comment Standard

“Burek o byrek” anche se a detta dagli stessi albanesi si pronuncia come si scrive ovvero burek, nome a parte,questo piatto nato in Turchia durante l’impero ottomano,si è diffuso in tutti i Balcani,ed è diventato per l’Albania un vero must della loro cucina,considerato per antonomasia il cibo da strada più diffuso. Continua a leggere

Street food festival:come conoscere un luogo attraverso il gusto

Leave a comment Standard

Sempre più in aumento le persone che scelgono percorsi gastronomici per scoprire un luogo,una regione,attraverso il gusto, i prodotti tipici ed i piatti che rendono unica l’italia e non solo. Continua a leggere